ULTIME NEWS

  • Corso di aggiornamento

    Corso di aggiornamento"Materiali per un Restauro Ecosostenibile"

  • Corso di Aggiornamento:

    Corso di Aggiornamento: "Cultural Heritage: Diagnostica, Tecniche e Materiali per il restauro...

  • Una stazione meteorologica a Pompei

    Una stazione meteorologica a Pompei

  • San Benedetto salvato dai batteri

    San Benedetto salvato dai batteri

Corso di Aggiornamento: "Cultural Heritage: Diagnostica, Tecniche e Materiali per il restauro dell'Architettura

on .

Corso Niscemi 2014L'associazione THOLOS, l'Ordine degli Architetti della provincia di Caltanissetta, L'Ordine degli ingegneri della provincia di Caltanissetta, in collaborazione con l'IA-CS, l'Ordine regionale dei Geologi Sicilia, l'Ordine degli Agronomi della Provincia di Caltanissetta, il Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Caltanissetta, S.T.Art Test, DISMAT, ATREA Project e le Università di Catania e Ca' Foscari di Venezia organizza il corso "CULTURAL HERITAGE: Diagnostica, tecniche e materiali per il restauro dell'architettura" che si terrà a Niscemi (CL) il 19 e 20 Dicembre 2014.

Saranno rilasciati Crediti Formativi Professionali dagli ordini che hanno preso parte all'organizzazione. 

Programma completo QUI e domanda di partecipazione QUI.

Per info e iscrizioni rivolgersi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Una stazione meteorologica a Pompei

on .

La stazione meteorologica negli scavi di PompeiPompei (Napoli). Mercoledì 16 novembre su case e strade di Pompei antica sono caduti ben 530 millimetri di pioggia. Tradotti in litri fanno più di mezzo metro cubo d'acqua: una quantità enorme per il delicato equilibrio del sito rispetto ai soli 40 millimetri caduti nelle due settimane precedenti. I dati sono stati forniti in tempo reale dalla stazione meteorologica fissa acquistata e installata di recente nel cortile del Laboratorio di Ricerche archeo-ambientali della Soprintendenza archeologica. La centralina, che a breve sarà posizionata sul solaio dell'edificio al fine di raccogliere anche altri dati oltre quello pluviometrico, segna anche umidità, temperatura, velocità e direzione del vento. L'obiettivo è di monitorare i parametri microclimatici degli scavi in maniera da poter costruire grafici e metterli in relazioni a danni alle strutture derivati appunto dalle acque meteoriche, oltre a stabilire soglie di allerta oltre le quali il rischio per il patrimonio potrebbe aumentare in maniera esponenziale. Notizia completa QUI

di Carlo Avvisati, edizione online, 18 novembre 2014
FONTE: IL GIORNALE dell'ARTE.com